» Testi "REALITY SHOW"¬
1) Il Giro del mondo
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, A.Merli, F.Stranges)

Scratch:
Comincio io,
buona fortuna,
ascoltando la perfetta tecnica dei dischi stereo ad alta fedeltà con gli attuali mezzi d’ascolto può creare dei problemi non è meraviglioso?
Non è eccezionale?
Pensate come per magia con le musiche e i suoni dell’alta fedeltà stereofonica si può fare il giro del mondo senza uscire di casa,ora concedetemi la vostra attenzione il mondo della stereofonia ci può riservare sorprese spettacolari è dimostrato scientificamente ecco le regole…questo è uno degli effetti stereofonici tradizionali...
con le musiche e i suoni si può fare il giro del mondo senza uscire di casa...
La prima volta che ho visto quel disco girare ero solo un bambino ed era tanto tempo fa passavo ore ascoltando ero come rapito da un suono che già mi portava lontano in una nuova realtà ed io volavo sulle note sempre più in alto fino a toccare il sole vivevo il mio futuro con la fantasia poi ho scoperto che la musica può fare più delle parole in mondo in cui non si parla più...
Ricordo un ragazzino con il viso pallido ed uno sguardo timido ricordo lo sconforto di sentirsi in bilico me lo ricordo mentre prende un foglio e si racconta ricordo un amico che lo ascolta per la prima volta ed è da allora che la musica lo porta con se dentro quel limbo senza tempo che è perfetto com’è dove lui può gridare la sua rabbia per strada dove ormai la sua penna è la sua rosa e la sua spada dove quel suo girare il mondo stando fermo sul posto l’ha reso pronto ad affrontare ogni sconforto lo chiamavano diverso si sentiva perso l’angelo custode l’ha trovato nelle cuffie che si è messo ed ora è qui sputa la vita in un microfono il suo cuore batte a tempo con le mani che si muovono se anche tu sei un vagabondo vieni c’è posto a bordo dacci un po’ d’ascolto e gireremo insieme il mondo...
L’incisione discografica che segue può fare il giro del mondo senza uscire di casa.

2) Reality Show
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, A.Merli, F.Stranges)

Benvenuti nel reality show,
quello che vi do’ è la sola realtà,
inizia lo spettacolo,
mettiti comodo lo show è satirico,
ormai qui conta lo share,
prendendo per il culo il pubblico.
Cancella il debito a san remo,
le multinazionali crollano,
Il calcio è nel caos e nuove Mary si nascondono,
mancano euro a fine mese,
lo scenario non è rassicurante chiedi a chi ha investito in Cirio.
È all’erta chi domanda danaro,
chi ha il potere bada bene a tenderti la sua mano troviamo gente falsa pronta a tutto che ha tutto e gente onesta che si sbatte e lotta con uno sfratto e intanto programmano un altro imbroglio,
ci dipingono una farsa nascondendo il petrolio, sbaglio o no?!
Metto piede qua fuori a sentire un po’ di reality show,
e mo ti piace lo spettacolo...

Rit.
Vivo tutti i giorni in un reality show,
ma non di quelli che tu,tu trovi alla tv.
non ci son copioni nel mio reality show qui c’è sempre in onda la mia vita...

Bentornati a voi signore e signori,
miei cari telespettatori,
mettete a letto i minori,
continuan le trasmissioni,
senza alcuna censura,
copioni o limitazioni,
come scaletta una diretta sulla vita qua fuori!
Devi lavorare duro questo è sicuro,
ma certezze sul futuro non sa dartene nessuno.
Vedi, tutto gira intorno al grano, 
ma a che punto siamo,
su una Terra sempre in guerra che uccidiamo piano piano. 
Troppi soldi o pochi, 
troppo pochi o troppi, 
sai che lo vedrai dovunque punterai gli occhi ormai. 
L’avrai notato la realtà è ben diversa da quel mondo patinato che vedi in pubblicità, 
La verità è che qua fuori non ti aiutano. 
Perfetto cittadino, ti considerano un numero. 
E nascondono i motivi, 
questo è il posto dove vivi, 
è il reality show in diretta su TV GiDiVi...

Rit.



3) A Chiara piace vivere
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Come al solito ci si ritrova qua con la banda del bar fuori città parli serenamente di tutto e diniente spesso è qualcosa che non ti va c’è una novità stasera area di bufera c’è Ale che sclera!Sai che ne va male a parlare degli sbarbati dice che è normale che ormai siano un po’ malati cambiati da come eravamo noi spiazzati da un mondo di falsi eroi non si ribellano si aggregano supini si tirano cretini tra tv e telefonini sai…ma io gli faccio fai di tutta l’erba un fascio allora ero d’accordo ma penso l’opposto ora che ho conosciuto Chiara veniva da scuola per una firma e una parola poi facendo due passi più in là mi ha raccontato un po’ quello che fa...A Chiara piace correre trai prati e tuffarsi nelle nuvole lei ride con poco ma mai per niente a Chiara piace scrivere lei sa che è importante parlare alla gente e ama farla ridere per lei non hanno senso nemici ed alleati a Chiara piace vivere…E tu stai lì la vedi sempre sola ma non è così è che non dice una parola sei grande già ma crescerai tra l’infinito dei tuoi sogni e dell’inchiostro che userai sai che la guerra è ipocrisia ma non conta un dove un quando un’etnia e dare agli altri il poco che hai vuol dire amare più che puoi pulire il mondo dai suoi guai brilla un diamante negli occhi suoi basta uno sguardo ti accorgerai che…Rit. Tu ascolta Chiara e impara un po’ da quella timidezza che nascondere non si può ascolta Chiara e lei ti dirà che vuole crescere… Per lei è importante parlare alla gente e ama farla ridere a Chiara piace vivere…

4) Un altro ballo
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Non ti aspettavo stasera,
questa volta è la sorte che Gioca le sue carte per me
E da quando sei arrivata Credimi mi piace guardare quanto sei sexy Mentre muovi a tempo i tuoi fianchi e parli con gli occhi Senti si tratta già di sentimenti Sai non resisto lascia che mi presenti Non vorrei sembrare banale o maleducato C'è che mi hai flashato con il tuo sexappeal innato Chiedo soltanto un altro ballo con te Poi sarà ciò che sarà, sarà il destino a scegliere…

Rit.
Vorrei un altro ballo con te Baby
vedrai saremo solo io e te in balia di un sogno
sfiorandoci
danzando
fino a non poterne più non fermarti ed io non smetterò mai…

Non so né da dove sei venuta
né perché sei qui
so che mi è bastato un ballo per conoscerti
uno sguardo solo per convincermi che
con te ballerei tutta la vita…
Ma la notte
passa in fretta e con se ti porta via
dammi solo un altro ballo e potrò sentirti mia…

Rit. 

Hey lady che ci fai laggiù?
Non vedi che sei solo tu che non ti muovi? So che se solo volessi mi ipnotizzeresti su, perché non provi?Dammi le mani bambina e stammi vicino fino a farmi perdere nel sapore del tuo respiro fino all'ultimo giro per poi domani svegliarmi al mattino col tuo profumo divino ancora sul cuscino sai non c'è molto da dire l'istinto parla da sé se chiama stallo a sentire e fidati di me Baby…


Rit.

Ma la notte passa in fretta e con se ti porta via dammi solo un altro ballo e potrò sentirti mia…

Rit x2


5) La Reginetta di fine anno

 

6)  Splendida bugiarda
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Vorrei baciarti ma tu non lo sai stanotte sei bella come non sei stata mai resto qui ad osservati ma non vedrai tu protagonista dei miei sogni e dei miei guai ma non mi manchi reti un rimpianto di gioventù chiedo soltanto i tuoi occhi di non incrociarli più tra sospiri e falsità costruisci la tua realtà avanti un altro io ti ricorderò soltanto perché.Tu sei tu si tu sei per me solo una splendida bugiarda perché tu sei tu,tu che sei per me solo una splendida bugiarda… x2
Quanto ho sbagliato Dio solo lo sa ci sono cascato credendo alle tue verità io ti ho dato tutto e poi quello che mi resta sei tu in mezzo ad una festa che celebra il gelo tra noi vorrei cancellare le bugie che tu mio hai detto vorrei dimenticare ma il male che tu m hai fatto lascia cicatrici e non mi dici una parola ero il tuo passatempo quando ti sentivi sola però eri brava a recitare sei splendida ma dietro ogni tuo sguardo su quel volto un’aria poco limpida vorrei fidarmi di te un’altra volta ma me ne vado così ciao buona vita splendida bugiarda…Rit. Sai ti guardo da un po’ meraviglia che se così brava a nascondere i tuoi difetti e li metti in quel vuoto che vedi dove c’era l’orgoglio che avevi e che ormai non ritrovi più non ti sembri tu la splendida bambina che quando mentiva soffriva e lo sai ha trovato una preda astuta e per quanto tu l’abbia illusa ‘sta volta non c’è caduta che importa se chiedi scusa?!non conta se ti ho delusa per me ormai la porta è chiusa perché anche se fai le fusa… Rit.

7) Prima o poi
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Ingrosso, F.Stranges)

Quanto dura lo sai la notte quando cerchi in quello che sei l’amaro torna un po’ prima o poi…Chiedi agli anni che hai perché non batte in petto se non è lei nemmeno se lo vuoi…prima o poi. Dimmi t’innamori o fingi?Chi sei?Tu chi sei?Dimmi si rimane bimbi?un po’ o no?
Dopo tanto errori a volte guardi su si rimane soli prima o poi…
…e pensi mentre quasi non respiri più “l’aria tornerà” prima o poi…
A volte ti ritrovi ad aver perso il conto di ogni secondo andato dall’ultimo giorno in cui tu la guardavi sereno batteva vita davvero dicevi…”tutto va bene” sincero e in poco ti ritrovi ad aver perso il senso di stare con qualcuno un po’ per passatempo e non trovare più quella complicità ogni volta in un vestito che poi non ti sta dimmi quel sentirsi vinti cos’è?sai cos’è? Rit. Sai che non crescerai se resti lì sospeso pupazzo che se dovrai svegliarti un po’…prima o poi.Un altra ti regalerà quello che non speravi,succederà persino se non vuoi…prima o poi.Dimmi quel sentirsi vivi dov’è?dov’è?Dopo tanti errori adesso guardo su si rimane soli prima o poi…Penso mentre un altro sole viene giù lei arriverà prima o poi..

8) Il sorriso di una donna
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Dimmi donna come si fa ad avere in fondo agli occhi quella serenità che ora leggo dentro ai tuoi non mi staccherei mai sai che brividi che dai se sorridi mi fai toccare il cielo davvero ancora non me lo spiego come ogni volta mi mandi al tappeto e prego solo che questo dolce soffrire grazie a te non abbia termine mai sembran’ bazzecole i guai se guardo quel tuo corpo che balla su un folle mondo lady...
Non è il trucco che metterai o il vestito che toglierai quello che si ricorderà è il sorriso di una donna la sua pelle è acqua limpida la sua voce è musica dimmi chi si dimentica il sorriso di una donna… Dimmi dona come si sta a dare gioia al mondo con la tua sensualità e quando tu ci sei io non distoglierei mai il mio sguardo cade dentro il tuo universo dove io vivrei mi batte il cuore quando ti vedo animi ogni mio giorno non posso farne a meno e non mi sbaglio quando dico che il mio mondo ruota intorno a te mi sveglio col tuo sorriso tatuato nei miei occhi ti sogno col perizoma e i tacchi alti fidati di me adesso è poco ma è per te lady… Rit. La luce che sognavo è in quella dolcezza nessuna stella brilla quanto lei.La pace che cercavo è in una carezza sorridi e sei perfetta come sei… Rit. Dimmi bimba come si fa a comprendere più a fondo quella complicità che stai portando tra di noi non mi stancherei mai di guardarti come sei sai l’effetto che fai quando ti vedo io spero allora che una canzone possa portare ancora un po’ di buon umore ad ogni donna che porta un pò di paradiso dentro se non mi accontenterò mai mi mandi in extasy sai quando sorridi solo per me ballo su un folle mondo per te lady… Rit.

9) Un giorno di sole
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Come vedi sto provando a dirti che non è impossibile rialzarsi anche se a volte sembra insopportabile pensa solo un poco a te e troverai la voglia per capire che la vita ti dirà sei fragile come ormai ti senti tu e se il telefono non squilla e ancor più giù… E quando tocchi il fondo cosa farai?ti affliggerai piangendo ti sfogherai e vedrai che poi ti sentirai un po’ meglio e intorno a te ricostruirai il tuo mondo tanto in fondo non ci vuole che… Un giorno di sole che ti scalderà un cielo migliore che ti aspetterà tu le tue paure dividile con me a volte fa male ma è soltanto vivere… Come in un sogno ti porterà via se della vita avrai perso la scia il suo calore ti sorprenderà ti conquisterà… E quando arriverà il momento te ne accorgerai di chi poi starà al tuo fianco o a farsi i cazzi suoi allora ti renderai conto che ce la farai ti rialzerai da quel momento e sul tuo volto sorriderai a questa vita che riabbraccerai sarà una giornata tutta nuova che ormai sorge da sola ti riscalderà tu pensa ad essere serena e tutto il resto poi verrà a volte sembra insormontabile un ostacolo impossibile lo so e ogni tuo sforzo sembra inutile però so che non mi arrenderò e so che adesso aspetterò… Rit. x2 

10) El matador
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, A.Merli, F.Stranges)

Le mani si alzano quando arriva il matador… l’arena trema quando entra in scena il matador… Lo vedrai solo quando entrerà poi sparirà tra le sue donne è lui il playboy el matador… Capo porta da bere scalda l’atmosfera le signorine con lui sono pronte ad esibirsi ancora fin’ ora gran galà di fondoschiena mia cara el matador è arrapato allupato da mattina a sera e allora le ballerine corrono a presentarsi e lui in un attimo le invita a sedersi senti che tu ci creda o no sembri un po’ timido intanto la tua donna si è già messa giù al suo tavolo vedi forse sarà perché sembra un cantante forse sarà perché ci prova sempre ma ha un concentrato firmato testosterone sopra la media che stimola ogni suo ormone lo fai impazzire se intravede il tuo tanga tra la gonna che ti fa una risicata violenta guarda ora che vuoi che ti dica vuole godersi la vita rimane un raro esemplare sempre devoto alla… Rit. Una notte dopo l’altra puoi trovarlo in giro bicchiere in mano sguardo fiero sembra un ragazzino si tuffa nel casino muove un po’ il bacino e poi chissà in quale letto si risveglierà al mattino vicino a chissà quale principessa che ha perso la cabesa alla prima carezza el matador non sa resistere sente il cuore battere e lo ascolta quando una donna lo fissa da lì in poi non distingue più il bianco dal nero è spinto solo dall’istinto il resto conta zero io lo guardo e non so se è buono o cattivo credo sia un foglio di puttana ma in fondo lo stimo perché le sue ex dicono di odiarlo ma stanno sotto le coperte a braccia aperte ad aspettare lui pensa ogni lasciata è persa sai di cosa parlo el matador sta arrivando fate largo… Rit.

 

11) Intervallo in SI minore
(G.Godi, A.Merli)



12) Il ragazzo della porta accanto
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, A.Merli, F.Stranges)

Tra illusioni desideri incertezze e verità giorno dopo giorno crescerai in un mondo di santi e falsi eroi tu rimani sempre come sei… Dipenderà tutto da te lo sai amico avrai la vita che vuoi ci son passato e ti dico,non sarà facile crescere nel tuo quartiere e vedere con i tuoi occhi persone e città cambiare,sarai un bimbo felice che aspetta Natale,avrai giorni in cortile col tuo pallone andrai a scuola e sarà da allora che inizierai a intuire un po’ qua fuori come funziona,tra i compagni di classe le future promesse con le prime valutazioni di maestre mai viste,sarai quello dotato che non si applica o sai un genio in algebra o in aritmetica e fuori da qua vedrai le prime differenze tra la gente di chi poi ti tratterà a seconda di chi è più importante,e niente riuscirà a stenderti tra i primi amori che le stelle tenderanno porgerti,vivili e sii te stesso il primo sesso adesso è un chiodo fisso che sarà per sempre nella tua memoria,studierai storia vedrai miseria o te ne starai a pensare a lei per ore con la testa in aria… Rit. Tu non smettere mai di sognare anche se a volte incontrerai chi ti vorrà trascinare giù… E come al solito noi ci si incontra sul pianerottolo,la prima volta quant’eri piccolo reggevi a malapena il peso di quella cartella,tornavi a casa teso trascinando i piedi a terra,io stavo uscendo andavo in studio appena sveglio e tu mi hai detto:”Posso chiederti un consiglio per star meglio ?” Era la prima delusione d’amore per te,la prima volta da fratello maggiore per me,mi sembra ieri vedi quanto vola il tempo,ci credi a ripensarci mi sto accorgendo che sei già grande e che quindi anch’io sto crescendo,oggi tu vai al lavoro io ritorno da un concerto e penso che di passi ne hanno fatti i nostri quattro piedi e quel sorriso solidale è uguale se mi vedi,ora ti guardo e posso dirti soltanto resta sempre te stesso il ragazzo della porta accanto… Rit. 

 

13) Stai lontana da me
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Sei una perla incastonata tra i miei ricordi più belli lo sai che ormai è finita perché di te non ci si può fidare sei brava a far l’amore ma di ideali magari ne hai mai sentito parlare tu colpisci dall’alto vai dritta dal produttore non ho parole purtroppo ne ho fatto io le spese ma pretese zero come zero son le scuse me c’è che a volte le parole sai mi illudono dipingo quadri dove i sogni poi ci cadono… Stai lontana da me fuori dai miei pensieri e dalle pagine della mia vita niente più favole non ho più tempo sei un pericolo che non posso correre… Per averti ho fatto tutto ciò che era possibile ma adesso che ti guardo so che è stato tutto inutile era inevitabile e facile credere a un sogno che poi tu non hai spento tra le braccia sue e con me non rivivrà mai più prendi tutto dai non bi basta più quel fascino che non ama mai tu non dai quello che sei non voltarti e vai per pentirsi basta un attimo son sicuro sai che con te ci ricadrei… è che ti ho persa ma stavolta vinco io… Rit. Che senso avrebbe darti adesso un’’altra possibilità non ti è concesso so cos’è successo giù la maschera mi hai messo in trappola viveva scemo che ero vivevo per la mia piccola non c’hai pensato ipocrita che io davvero credevo tu fossi limpida quando hai spento tutto in tradimento ormai hai scelto e indietro non si ritorna so che questo spesso brucerò dentro ma non importa ascoltami e ricorda… Rit. E non cambierà se mi incontrerai camminando stretta insieme a un poi,si,brucerà!Ma resterai comunque il mio più grande sbaglio… Rit.

 

14) Fotoricordo
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, A.Merli, F.Stranges)

E allora eccomi adesso resto per un po’ da solo meglio così io per il mondo oggi non ci sono e voglio restare con me stesso a pensare se solo adesso mi fermo ancora mi sembra di sognare una foto coi miei attrae il mio sguardo in quello scatolone ricordo sai era la mia prima comunione un caldo infernale un pranzo con poche persone quel vestito nuovo rotto poi giocando a pallone e ancora eccole qui tra mille foto impolverate vedo così le mie emozioni immortalate troppi ricordi momenti incancellabili mentre una lacrima disegna un solco tra i miei brividi guarda mio padre coi baffi siamo nei settanta quel pancione mia mdre lo porta assai contenta le foto alle elementari in bianco e nero e a colori guarda questa non ci credo a me lo sai sembra ieri… Cerco su ogni volto un ricordo e sembra che il tempo non mai trascorso e un brivido chiude lo stomaco rimango incredulo e so che le emozioni non muoiono mai… Vedo gente con noi persa lungo questo mio cammino giuro che mai avrei riconosciuto quel bambino e che cambiamenti tra gli amici e parenti con le mie pettinature quando stavo sui venti mi fermo un attimo qui o meglio mi si ferma il cuore quando a un tratto così ritrovo il primo grande amore resto senza parole sai che eri bellissima guardando dietro c’è un cuore due frecce ed una dedica “Staremo insieme per sempre tu sei la mia vita” e un sorriso innocente per poi com’è andata troppo distanti ma troppo simili sono i tuoi occhi a suggerirmelo qui non hai alibi ritrovo serenità quando rivivo quei momenti in tutta sincerità anni rivisti in pochi istanti guarda questa è l’arena ero a vedere Vasco la metto sul comodino accompagnerà questo mio testo… Rit. E non so se sorridere io non so cosa può succedere so che voglio vivere fermando il tempo e guardarlo in un fotoricordo… E in sottofondo mettere buona musica questa la voglio me la stacco dalla pagina è la più vecchia c’è tutta la comitiva sembra persino che anche il sole sorrida quanto sembriamo diversi se sempre gli stessi alcuni si sono persi ma noi ci siamo ancora e allora scatta subito così per sempre avremo accanto il nostro pubblico… Rit.

15) TGDV con la voce di Benedetta Parodi

 

16) Portocervo
(L.Aleotti, E.Busnaghi, F.Stranges)

Vieni a Portocervo e vedrai ti sentirai una star una celebrità tra feste e mondanità ma la felicità lo sai non è in vendita… Non c’è l’attitudine qui e sempre la stessa apparire in forma a presenziare in coppia a un’altra festa a messa la domenica mattina e indovina si va a far colazione dove si è messi in vetrina cammina in centro e ci sta dentro un mondo con la biancheria firmata e il ghota del firmamento e penso solo a qualche tempo fa ma ora la gente conta solo ormai per quello che ha occhio qui non si è bigotti tocchi un tasto delicato sai per te ora parlano gli occhi e i trucchi non servono serve il dialogo e non c’è felicità tra l tue carte di credito ma mentono sai davanti a se stessi adesso dimmi ciò che vedi caro quando ti specchi svendi la tua immagine ma a tutto qui c’è un limite tu prendi per il culo gente che crede alle favole… Rit. Ti inviteranno a party che sembran’ casting tra sorrisi abbracci e feste sugli yahct ma il verso show mia cara non è là Portocervo è tutta un’altra musica… Hey cara mia diva che cosa vuoi che ti dica?Tu passeggi sulla riva e dici questa è bella vita ma quel sorriso poi si spegne insieme con la telecamera e diventi acida non capisco come fai dai che problema hai mai guarda dove sei qui è meglio delle Hawaii sai non lo voglio il foglio con sopra il tuo nome solo ti sposti un po’ che mi stai togliendo il sole!Baby ma mi spieghi come fai ad annoiarti?vedi come impegni a truccarti ed andare ai party è meglio che ti siedi e ti rilassi con noi altri via la puzza sotto al naso vogliamo invitarti per godersi veramente questa terra milady basta una chitarra mi credi? stasera dai buca a Staila e il revival vieni giù alla spiaggia che si baila fino all’alba Rit x2

17) Brividi
(L.Aleotti, E.Busnaghi, G.Godi, F.Stranges)

Viso d’angelo passava spesso ma quello strano effetto no io non l’avevo avuto mai cos’è? Forte quando sento le mie labbra sulle tue o quando ripenso a quel che ho perso e mai più sarà. Ho in mente ancora la mia prima canzone ma a quell’emozione non so ancora dare un nome la stessa che mi fa tremare quando penso che un amico non c’è più. Cos’è quell’onda lenta che mi da vita dentro risveglia ogni mio senso e mi fa capire perché… Troppe volte cerchi una risposta poi ti accorgi che c’è un’onda e si infrange dentro te sulla pelle l’anima ti parla prende forma e ti ricorda che sei vivo finché hai brividi… Tutti gli amici sono usciti ma io resto giù verso un altro Rhum accendo un abat-jour e lascio che mi culli il blues di nuovo tu che mi giri in testa e mi travolgi con la forza funesta di una tempesta resta sempre un po’ di amaro in gola quando va così e sotto un velo d’orgoglio nascondi i lividi brividi prima scaldavano il mio petto adesso gelidi portano freddo dentro al mio letto un senso in questo mondo dov’è io lo cercavo con te adesso che ti ho perso neanche capisco se c’è toglie il fiato domandarsi perché siamo qui basta guardarci dall’alto siam così piccoli e stupidi mandiamo a rotoli metropoli ignorandoci e saremo solo noi a rimetterci ma se apri gli occhi per capirlo basta un attimo la vita è un miracolo a ricordartelo è ogni brivido…

Rit.



18) Avanti un altro
(L.Aleotti, E.Busnaghi, A.Merli, F.Stranges)

Hey di un po’ hai mica acceso la TV? E’ un delirio te ne sei accorto pure tu che stanno cercando di decidere per tutti cos’è trendy cos’è fuori moda e cosa disgusti ma tu non ci pensi oggi ti hanno chiamato forse il momento è arrivato l’hai sempre sognato qualcuno ti sorride e dice appena presentato dopo tanto tempo il tuo talento è stato notato mettiti il sorriso giusto vestiti con il suo gusto poi preparati al trambusto di quando ti cambia tutto ma come una trottola che appena dondola si ferma a terra e aspetta che arrivi a raccoglierla non è una favola è vita vera il gatto e la volpe qui hanno un bell’abito da sera ma tutto questo tu lo ignori bambino vedi il successo vicino e il tuo destino nelle mani di un provino… …Hey c’è chi cerca una novità non gli importa la qualità dice soltanto si faccia avanti un altro lui vuole vendere novità e non gli importa se ti sta imbrogliando su faccia avanti un altro… …tanto sa già dove portarlo come piazzarlo per poi alla fine avere il modo di fregarlo il danno è che loro sanno ciò che fanno e di anno in anno sfornano vip da tornaconto ma tu non ti preoccupare e non pensare a poi lasciaci lavorare e fidati di noi senti che dici di sbiancarti i denti e pensi che non sia il caso di tagliarli quei capelli lunghi non si addicono a quei bravi ragazzi che io manipolo e guarda quanta che con noi è arrivata e tanta solo a un successo di giornata ti presenteranno un anno ricco di grandi successi e poi ti scorderanno in fretta per far posto ai nuovi assi dell’audience e avanti un altro in fila ti diranno grazie può andare sà può bastare per ora… Rit. Hey tu mister le faremo sapere è già la terza volta che mi vuoi giudicare eh no!Stavolta non casco sei tu che devi dirmi cosa stai cercando non ti interessa il talento ma solo un tappabuchi per il tuo palinsesto sii onesto con te stesso e dammi un buon motivo per rincorrere il successo prometti di sfornare celebrità in quantità ma vedo solo poca qualità il tuo provino è un occasione per fare un anno l’ospitone in televisione scegli gente che non sa far niente tralasciando che il talento è ciò che è più importante io so ballare cantare e ho recitato… Hey c’è cerca una novità ma soltanto di qualità stiamo aspettando si faccia avanti un altro ma che sappia quello che fa e che gli importi se lo stai imbrogliando si faccia avanti un altro…



19) Gente di periferia
(L.Aleotti, E.Busnaghi, P.Carpenter, M.Post, F.Stranges)

Oh oh!Ci chiamano gente di periferia noi fuori moda noi ma sognatori ci troverai ai bordi della tua città… Noi siamo gente vestita in modo differente pochi soldi in tasca e un evidente voglia di godersi la vita e poi fumarla fino alle dita me la giro con il Golf nero stereo a palla da tamarro vero uso il gel e ho i capelli meshati e quando poi ci vedi abbronzati è perché ci siamo fatti una lampada e non la spaccio per week end in Corsica gomito appoggiato al finestrino tatuaggi in vista e l’orecchino il galateo scusate non è robba mia conosciamo educazione e cortesia siamo tutto quello che vedi siamo gente di periferia… 

Rit x2

Hai presente quella terra che va da dov’è ancora verde ai bordi delle città è lì che si trova ancora il tipico esemplare di tamarro della zona lui si sa per le donne è un bastardo ma le dà il brivido di vivere d’azzardo il lunedì è sempre stanco perché ha passato tre nottate in bianco festeggiando col branco è strambo la sua giornata è una corrida crede nella fortuna perché sa cos’è la sfiga fatica non sta in riga non vuole che gli dica cosa fare nella vita seniorita niente paura siam gente di parola nessuna fregatura andiamo a fare un giro in una notte di follia il party l’organizza gente di periferia… 

Rit x2

Siamo la gente quasi sempre al verde ma in sostanza basta collar la benza poi si parte e ci si arrangia portiamo un po’ di volume diamo colore alla sera siam’ fuori dal comune siamo gente che spera… Rit. x2

...: © 99-04 GemelliDiversi.net :...  Tutti i diritti riservati. ---> webgrafika: Art DESIGN